Login

Welcome, Guest. Please login or register.
23 July 2019, 02:29:57 AM
Username: Password:
Login with username, password and session length

Forgot your password?
Home arrow Forum arrow Forum Italiano arrow Progettazione e piani di costruzione arrow Progetti coppa america Progetti coppa america
Pages: 1 2 [3] 4   Go Down
Print
Author Topic: Progetti coppa america  (Read 75553 times)
0 Members and 1 Guest are viewing this topic.
gianlu
Bowman
***
Offline Offline

Posts: 132

Italy

View Profile WWW
« Reply #30 on: 16 February 2009, 10:04:44 AM »

Ho bisogno di sapere una cosa, il foro per lascassa va fatto durante la realizzazione dello scafo o in seguito una volta realizzato questo si pretica il foro e si creal la sede a seguire? Mi spiegate come fare?

In seguito. Prima fai lo scafo e poi fai i fori per timone e deriva e tutto il resto.

bye
Gianluca
Logged

 
Vaglio
Sail School
*
Offline Offline

Posts: 22

Orzignano - Pisa

View Profile
« Reply #31 on: 16 February 2009, 11:03:06 AM »

Grazie, almeno ora fino alla fase di stampo vado tranquillo, mi potete postare però qualche immagine del rinforzo per la sezione dove andranno deriva ed albero? Perchè io ho il modello della DeAgostini a casa di luna rossa e lì vi era un rinforzo in plastica incollato a dei supportini ricavati nello scafo, ma qui penso sarà diversa la realizzazione...
Quanto meno per i materiali che utilizzerò...
Logged
ciccio59
Grinder
**
Offline Offline

Posts: 93


Roma

View Profile
« Reply #32 on: 17 February 2009, 11:29:03 AM »

Ho bisogno di sapere una cosa, il foro per la scassa va fatto durante la realizzazione dello scafo o in seguito una volta realizzato questo si pretica il foro e si creal la sede a seguire? Mi spiegate come fare?
Ciao Vaglio, intanto complimenti.... poi, foro scassa, lo farai una volta finito lo scafo, però, potresti prima "segnarlo" con una vite affogata nel modello per esempio, la testa della vite (che spunterà...) ti dirà poi dove farlo (stessa cosa puoi fare per il timone...), quindi, una volta fatta la deriva, sulla sua "testa" costruirai la scassa da laminare sullo scafo (ben ortogonale...)... spero di esserti stato di aiuto...
Buon vento e buon lavoro  Grin
Logged

"La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi...."  Albert Einstein
http://iacc120cup.altervista.org/
Vaglio
Sail School
*
Offline Offline

Posts: 22

Orzignano - Pisa

View Profile
« Reply #33 on: 17 February 2009, 12:16:14 PM »

In pratica sarebbe avvitare una vite dall'interno dello stampo prima delle varie laminazioni, che spunti però per pochi millimetri in modo da avere un minimo di centraggio, rispetto al quale poi si deciderà la posizione finale. Cioè se quel puntino che resterà nello stampo sia il vertice anteriore, posteriore o una via di mezzo tra i due estremi?
Comunque la scassa va laminata prima di chiudere tutto sempre in vetroresina assieme all'ordinata di rinforzo centrale? Perchè sul modello in ABS ho una cosa fatta a questo modo, una scassa di un centimetro circa sopra la quale è incollata un ordinata a croce in plastica con inserito all'interno un tubicino in carbonio che fà da guida per l'asta della deriva. Mentre al vertice opposto dell'ordinata rispetto alla scassa della deriva c'è un altro svaso che accoglie la scassa dell'albero della coperta...
Logged
gianlu
Bowman
***
Offline Offline

Posts: 132

Italy

View Profile WWW
« Reply #34 on: 18 February 2009, 10:24:31 AM »

In pratica sarebbe avvitare una vite dall'interno dello stampo prima delle varie laminazioni, che spunti però per pochi millimetri in modo da avere un minimo di centraggio, rispetto al quale poi si deciderà la posizione finale. Cioè se quel puntino che resterà nello stampo sia il vertice anteriore, posteriore o una via di mezzo tra i due estremi?


No, l'idea sarebbe di segnare la posizione esatta della deriva in modo da avere una specie di guida per fare il foro sullo scafo.
A proposito, le viti (ma puo' essere anche un listello volendo, non deve sporgere di pochi millimetri, ma di pochi decimi (1 mm al massimo).

Se vuoi il mio consiglio, potresti usare un listellino che abbia forma e dimensioni uguali al foro che poi andrai a fare.

Quote
Comunque la scassa va laminata prima di chiudere tutto sempre in vetroresina assieme all'ordinata di rinforzo centrale? Perchè sul modello in ABS ho una cosa fatta a questo modo, una scassa di un centimetro circa sopra la quale è incollata un ordinata a croce in plastica con inserito all'interno un tubicino in carbonio che fà da guida per l'asta della deriva. Mentre al vertice opposto dell'ordinata rispetto alla scassa della deriva c'è un altro svaso che accoglie la scassa dell'albero della coperta...

Non capisco cosa intenti per laminare la scassa.

Il sistema del modello in ABS va benissimo, al limite puoi fare una scassa di 2 o 3 cm al posto di 1, ma il concetto dei supporti va benissimo cosi', al massimo puoi irrobustire un po' il punto di unione tra scafo e scassa con dei fazzolettini di carbonio.

Poi una considerazione personale: ritengo che il momento migliore per fissare la scassa della deriva, i rinforzi e tutte le parti strutturali sia mentre lamini lo scafo nello stampo femmina. In questo modo viene fuori un blocco unico (e secondo me risparmi tempo). Il contro di questo approccio e' che devi avere tutto pronto prima di laminare lo scafo.

bye
Gianluca
Logged

 
Vaglio
Sail School
*
Offline Offline

Posts: 22

Orzignano - Pisa

View Profile
« Reply #35 on: 18 February 2009, 11:16:02 AM »

Per laminare la scassa intendevo il creare le pareti dello sbalzo interno della scassa.
Il tuo consiglio sarebbe quello di fare direttamente sul modello la forma della scassa e fare stampo e controstampo direttamente già con la scassa? Anche secondo mè così generi molte meno zone di concentrazione degli sfozi e meno discontinuità della struttura che potrebbero indebolirlo. Il difetto di questa struttura è che non sipuò assolutamente sbagliare il centraggio ed è molto più complicato il processo di realizzazione...
Logged
ciccio59
Grinder
**
Offline Offline

Posts: 93


Roma

View Profile
« Reply #36 on: 19 February 2009, 13:51:24 PM »

Ciao, cerco di spiegare quello che avevo detto... la testa della vite avrebbe lo scopo di "segnare" nel manufatto finale il punto esatto in cui sarà il perno della deriva che servirà al suo fissaggio allo scafo, facendo una piccola dima del "foro/scassa" della deriva, sarà possibile centrarlo su detto "segno" per tagliare il "foro" stesso sullo scafo... ma anche la procedura (listello/dima) descritta da Gianlu avrebbe lo stesso risultato.
Quanto a fare direttamente la laminazione della "scassa deriva" direttamente nello stampo, ho anche io, come te, qualche perplessità sulla facilità della realizzazione, in fondo, praticamente tutti tagliano lo scafo dopo... inoltre, a meno che tu non faccia uno stampo anche della deriva, sarà improbabile che ne vengano due perfettamente identiche nella testa, facendo una scassa "unica" potrebbe non entrarci un'altra deriva, motivo per cui si preferisce laminare la scassa direttamente intorno alla deriva da usare... ma tutto è possibile... Grin
Rinforzi (scusa se non avevo risposto subito al riguardo...), molti usano dei tubi di carbonio (o quadrelli/listelli di legno) dal punto di attacco della scassa deriva/albero al bordo scafo (attacco sartie, circa...)
qualche esempio...
Black Urca di ClaudioV (l'immagine era su Baronerosso, spero Claudio non me ne voglia...)

un classe M

e, per ultimo, quello che sto realizzando (è solo un rendering...), una paratia in cui è "affogata" la scassa della deriva e a cui è incollata la piastra radio (circa...)

Buon lavoro... Grin
Logged

"La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi...."  Albert Einstein
http://iacc120cup.altervista.org/
gianlu
Bowman
***
Offline Offline

Posts: 132

Italy

View Profile WWW
« Reply #37 on: 20 February 2009, 11:10:25 AM »

Per laminare la scassa intendevo il creare le pareti dello sbalzo interno della scassa.
Il tuo consiglio sarebbe quello di fare direttamente sul modello la forma della scassa e fare stampo e controstampo direttamente già con la scassa? Anche secondo mè così generi molte meno zone di concentrazione degli sfozi e meno discontinuità della struttura che potrebbero indebolirlo. Il difetto di questa struttura è che non sipuò assolutamente sbagliare il centraggio ed è molto più complicato il processo di realizzazione...

Non proprio. Il mio consiglio e' di fare la scassa e la deriva come al solito, solo che al posto di fare prima lo scafo e poi incollare tutto il resto, prima prepari tutto (scassa, supporti e quant'altro) poi quando lamini lo scafo attacchi direttamenete il tutto.

Quanto alla realizzazione: e' vero che non puoi sbagliare il centraggio, ma non e' piu' complicato di altro da fare. In pratica lamini lo scafo, appoggi i pezzi e li incolli usando dei pezzetti di tessuto e/o resina caricata.

Penso che la complicazione maggiore sia che si deve avere un approccio molto piu' professionale alla cosa, visto che una volta resinato il tutto non si puo' piu' cambiare idea, che significa lavorare con molta precisione in tutte le fasi e avere gia' le idee chiare su cosa e come fare il tutto.

bye
Gianluca
Logged

 
Vaglio
Sail School
*
Offline Offline

Posts: 22

Orzignano - Pisa

View Profile
« Reply #38 on: 21 February 2009, 09:14:56 AM »

OK, perfetto.
Ho capito entrambi le spiegazioni, e mi sà che al momento vado per quella di ciccio59 perchè non ho ancora chiarissimo il punto in cui piazzerò la deriva, oltretutto volevo provare a fare un paio di versioni con centraggio diverso e vedere la soluzione migliore, riuscissi a riportare il disegno di progetto in Solidworks proverei a vedere se riesco a simulare l'ambiente e vederne le reazioni...
Oggi o domani dovrei finire il listellaggio finalmente Grin quando andai a comprare il fasciame la prima volta ne avevano pochissimo e l'ho finito prima di completare il tutto, mi manca il 40% circa dello scafo...
Per fare la punta uso il calssico bozzetto di balsa? Che si carteggia facile facile e si arriva alla forma finale alla svelta?
Logged
claudio v
Bowman
***
Offline Offline

Posts: 185

Italy/Torino

View Profile WWW
« Reply #39 on: 21 February 2009, 09:46:22 AM »

....Black Urca di ClaudioV (l'immagine era su Baronerosso, spero Claudio non me ne voglia...)
innocent
Black Urca di Marco Borghi...

Il mio disegno era un po' diverso Wink Diciamo che somiglia ma il mio ha 5 o 6 0 7 pezzi di legno in meno che non servirebbero.
Comunque il principio in linea di massima era quello. Marco si è fatto prendere la mano dal controventare in più per sicurezza. E poi dicono che tra amici ci si fida Cheesy
ciao
« Last Edit: 21 February 2009, 09:47:54 AM by claudio v » Logged

Claudio Vigada

www.progetto-urca.com
gianlu
Bowman
***
Offline Offline

Posts: 132

Italy

View Profile WWW
« Reply #40 on: 23 February 2009, 10:31:47 AM »

Per fare la punta uso il calssico bozzetto di balsa? Che si carteggia facile facile e si arriva alla forma finale alla svelta?

Se vuoi un consiglio, usa del normale compensato.
Poi per grattare usa la carta all'ossido di alluminio, che il legno se lo mangia molto bene, e quindi fai in fretta lo stesso.

bye
Gianluca
Logged

 
Vaglio
Sail School
*
Offline Offline

Posts: 22

Orzignano - Pisa

View Profile
« Reply #41 on: 01 March 2009, 14:54:50 PM »

Finalmente oggi ce la dovrei fare a chiudere con i listelli, dopo di che dovrò passare di stucco e carta vetra per lisciare il tutto no?
Passo passo pensavo di fare così:
- Finito con i listeli do una prima passata di carteggiatura per levigare un minimo;
- Quindi stuccata riempitiva e di pulizia delle imperfezioni;
- Seconda carteggiatura per levigare lo stucco;
- Quindi controllo forma e ricerca di eventuali deformazioni dovute a cedimenti dela balsa o posizionamenti errati, con conseguente scondo passaggio di stucco in quella zona;
- Carteggio di rifinitura delle zone con errori e quindi fasi di stampaggio, è corretto?

P.S. Per lo stucco cosa mi consigliate? Perchè ci sta che tra alcuni listelli ci siano un pò di imperfezioni come spazi, perchè mi è sembrato di vedere, sbirciando da sotto tra tavola e paratie laterali, dei listelli che non sono a contatto per tutta la loro altezza causa errori di carteggio sul lato per accoppiarli lateralmente...
Quindi se si formano fori dovrei richiuderli con lo stucco?
Logged
ciccio59
Grinder
**
Offline Offline

Posts: 93


Roma

View Profile
« Reply #42 on: 03 March 2009, 13:32:32 PM »

Ciao Vaglio, scusa se non rileggo dall'inizio... ma tu userai il modello per fare uno stampo? se si... stucco da legno, possibilmente morbido, la balsa è morbida da carteggiare, se lo stucco fosse più duro faresti degli avvallamenti nella balsa (potenzialmente...)
poi, se ci farai uno stampo, sarebbe meglio che tu facessi almeno una laminazione sul modello (con un tessutino mooolto fitto, 80-100gr./mq.), poi stucco, carteggiatura (almeno fino alla 1000 ad acqua...) e una mano di vernice (meglio poliuretanica bicomponente, è bella dura...) per farci sopra lo stampo (dopo inceratura, ovviamente)... così farei... Wink
Buon lavoro... e buon vento... Grin
Logged

"La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi...."  Albert Einstein
http://iacc120cup.altervista.org/
Vaglio
Sail School
*
Offline Offline

Posts: 22

Orzignano - Pisa

View Profile
« Reply #43 on: 03 March 2009, 19:04:43 PM »

Si la mia idea era quella, fare stampo e controstampo dal modello in balsa...
Quindi uno stucco mordibo da legno, ok!
Dopo passo in uno dei tanti negozi di hobbistica e ne cerco uno.
Poi sarà il turno dell'ordine per la vetroresina...
Però prima vedo come fare la coperta, che ho visto un paio di cose su quel link che mi avete lasciato sopra su baronerosso che se devo fare un ordine vedo di farlo in un unica soluzione almeno...
Logged
alexus
Grinder
**
Offline Offline

Posts: 51



View Profile
« Reply #44 on: 03 March 2009, 23:03:22 PM »

ciao, io ne ho fatte diverse di barche e di stampi con la balsa , dopo aver usato lo stucco non monocomponente ma bicomponente da laccatore x il legno ( e' molto piu' fino ) dopo uso un fondo riempitivo  plastico bicomponente ,il fondo puoi darlo a pennello e sopra ci dai una spolverata di colore scuro   e quando cominci a spianarlo con la carta abrasiva capirai a cosa serve (ti fa vedere tutte le imperfezioni e avvallamenti )pero' per comprare questo materiale devi andare in una ferramenta specifica per carrozzieri. buon lavoro
Guarda qui http://cantierinovelerc.spazioblog.it/ su album fotografico.
------ciao Ciccio ------
Logged
Pages: 1 2 [3] 4   Go Up
Print
Jump to:  

 
© 2019 Vela RC.it - Designing Building Sailing
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.